Piazza Pompilio e la Loggia della Beccheria - Comune di Forlimpopoli (FC)

Cultura | Storia e monumenti | Piazza Pompilio e la Loggia della Beccheria - Comune di Forlimpopoli (FC)

Piazza Pompilio e la Loggia della Beccheria

Piazza-Pompilio

Nella seconda metà del Settecento si procede all’interramento del lato settentrionale del fossato della Rocca al fine di disporre di una nuova piazza destinata ad accogliere le numerose attività commerciali cittadine. Sul lato settentrionale della piazza, intitolata al console eponimo della città, Popilio Lenate, viene eretta a metà del XIX secolo la "Loggia della Misura" mentre il lato orientale è occupato dalla "Beccheria".

L’edificio, caratterizzato dalla presenza di un porticato di gusto "neoclassico", viene costruito nel 1865 su progetto dell’ingegnere forlimpopolese Giuseppe Tellarini. 

Piazza Pompilio in una foto-cartolina d'epoca (courtesy G. Lolli, Bertinoro)

 

Con il termine di "beccheria" si era soliti indicare il luogo dedicato alla macellazione e alla vendita degli animali "da becco".

Successivamente il termine finì per comprendere tutti i luoghi dediti alla macellazione e alla vendita delle carni animali. Già negli anni Venti e Trenta dell’Ottocento, su proposta del conte Giovanni Golfarelli, erano stati aperti lungo il muro esterno della Rocca prospiciente la piazza, dei varchi per adibire i locali a pianterreno a botteghe; all’interno erano state avviate quattro attività commerciali, tre delle quali destinate a macellerie. In seguito, la necessità di recuperare nuovi spazi da destinare a questo tipo di attività, portò alla costruzione della beccheria.

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (2 valutazioni)